Vivere Hygge, il piacere delle cose semplici

Hygge (che si pronuncia hügghe, la h è aspirata) è una parola danese che non ha traduzione in altre lingue. Possono esserci parole che si avvicinano al suo significato, ma esso è talmente vasto e astratto che una parola non può bastare. L’espressione italiana che si avvicina al significato di hygge è “lo star bene”, ma comunque non rende completamente l’idea. L’hygge è un insieme di sensazioni, accortezze e persone che creano un’atmosfera accogliente, piacevole e intima mentre si assaporano i piaceri della vita circondati dall’affetto delle persone care.
«La parola hygge ha ricevuto ogni sorta di definizione, da l’arte di creare intimità a benessere dello spirito. La mia preferita è cioccolata a lume di candela.», scrive Meik Wiking, autore del libro Hygge, la via danese alla felicità.


Forse, per capire meglio il suo significato dobbiamo capire da dove deriva la parola hygge e ci sono diverse ipotesi sulla sua etimologia. Una di queste sostiene che la parola derivi dal germanico “hyggja” che significa “sentirsi soddisfatti”. Secondo un’altra ipotesi, essa deriva dalla parola norvegese hugge (XVI secolo), cioè “abbracciarsi” (in relazione con la parola inglese “hug”). Un’altra teoria ancora sostiene una provenienza dalla parola norrena hygga, cioè “consolare”.
Parola non ancora resa ufficiale nel resto del mondo, hygge è comunque finita fra le prime 10 parole nella classifica 2016 delle parole dell’anno dell’Oxford Dictionaries. In Danimarca invece è una realtà vera e propria, infatti hygge, oltre ad essere nome e verbo, si è evoluta creando nomi derivati e anche un aggettivo, hyggeligt.

CREARE IL PROPRIO HYGGEKROG
Parlando di nomi derivati, Hyggekrog è il luogo dove poter essere hygge e solitamente è il salotto di casa, dove possiamo rilassarci da soli, in famiglia e in compagnia di amici. Ma cosa rende hygge il nostro hyggekrog? Uno degli elementi essenziali, se non il più importante, è la luce. Dev’essere calda e avvolgente, e proprio per questo la scelta migliore è quella delle candele. Ottima alternativa sono le lampade di sale rosa, anche se il top sarebbe un caminetto acceso. In mancanza di tutto ciò, si può ricorrere a lampadine dalla luce calda e soffusa. Bisogna cercare di portare più natura possibile nel hyggekrog, che siano piante e fiori, ma anche mobili e ninnoli. Che sia un tavolino in legno grezzo o una ghirlanda di pino poco importa, l’importante è avere la natura in casa. In un hyggekrog non puà mancare un posto comodo per sdraiarsi e accoccolarsi, quindi sono d’obbligo tappeti morbidi, coperte calde e cuscini profumati per creare quel senso di nido sicuro tipico hygge. Riassumendo, gli stili di arredamento che assecondano l’hygge sono il vintage, lo shabbt-chic e il rustico leggero.

Abbiamo detto che l’hygge non sono solo oggetti, ma anche cibo e persone. Quindi, ora che il nostro hyggekrog è pronto, è tempo di invitare amici e parenti per passare del tempo insieme. Preparate una tisana o una cioccolata, magari accompagnata da una torta appena sfornata. Dimenticatevi dei cellulari, e preoccupatevi solo di passare qualche ora in serenità e armonia.

Si può creare un ambiente hygge anche in tutte le altre stanze della casa, per esempio in bagno, dove ognuno di noi può prendersi del tempo e dedicarsi completamente a se stesso; ma anche in camera da letto, dove l’atmosfera è più intima e romantica se c’è un partner. Anche il corridoio può essere hyggeligt se viene decorato con candele o le luci di natale.

HYGGE FUORI CASA
La filosofia hyggeligt ci segue anche fuori di casa. In Danimarca la maggior parte dei locali sono all’insegna dell’hygge perché per loro è importante farti star bene e sentire come a casa tua in ogni momento. Ricordatevi che anche una passeggiata in mezzo alla natura o in un luogo piacevole e calmo è hygge. Sedersi in mezzo ad un parco a chiacchierare con la miglior amica è hygge. Perché l’essenza dell’hygge è cogliere l’importanza di ogni momento qui e ora.

C’è un momento dell’anno in cui siamo tutti un po’ hyggeligt e quel periodo sono le feste natalizie. Fateci caso…si passa il tempo in famiglia, si cucina per amici e famigliari, si addobba l’albero di natale, si appende la ghirlanda alla porta, si accedono le candele che non abbiamo mai acceso durante l’anno. Per le strade delle città compaiono le luminarie, nelle piazze si organizzano concerti, si è tutti più buoni, c’è sempre un piccolo pensierino per tutti.

I danesi sono le persone più felici al mondo e forse dovremmo riflettere sul nostro stile di vita e affrontare la vita un po’ più come fanno loro.
Vivete una vita hygge!

Potrebbe interessarti anche:
La mia casa di Strega


fonti
http://www.visitdenmark.it/it/danimarca/cultura/larte-danese-della-hygge
https://it.wikipedia.org/wiki/Hygge

Precedente Caro Novizio, inizia il tuo Cammino Successivo Consultare le Rune, Metodi di Lettura